"Non sara tutto tenpo sanza reda / l'aquila che lascio le pene al charro / per che diuenne mostro e poscia preda." (Dante Alighieri, 1321, II, XXXIII, 37-39)